Il gatto egiziano

Gatto egiziano

Il gatto è un animale che non si è separato da esso da quando è diventato vicino all'uomo più di 10 anni fa. All'inizio era incaricato di cacciare topi e altri roditori che volevano mangiare grano umano, ma molto presto, e grazie a questa qualità, cominciò a guadagnare la fiducia e l'affetto dell'umanità. E non passò molto tempo prima che offrisse la sua casa a questa curiosa nuova amica, dalle orecchie a punta e dallo sguardo enigmatico.

Così furono i primi passi del felino domestico. Passi più o meno lenti, ma sicuri. Come colui che sa dove sta andando e cosa intende, ma non ha fretta di arrivarci. Vivere con noi, la gente, non è un'impresa facile per un felino, ma anche questo ostacolo è riuscito a superare il gatto egiziano. Un gatto che oggi ha milioni di cuori umani innamorati, Sarai uno di loro?

Il gatto nell'antico Egitto

Bastet

Questi animali eleganti e preziosi hanno iniziato la loro domesticazione nell'antico Egitto, in particolare, intorno al 3 ° millennio aC. Per il suo carattere e la sua personalità - o, come mi piace chiamarla, felinità - si è subito guadagnata il rispetto degli abitanti del Paese del Nilo, in quanto non solo proteggeva i granai, ma anche preveniva la diffusione di malattie come la peste eliminando i roditori, che è un vettore di questo e di altri problemi di salute.

Nelle corti d'Egitto non ci volle molto per idolatrarlo. Ecco com'è la figura di Bastet, la dea della fertilità e della bellezza; Indubbiamente, queste sono due delle caratteristiche più rappresentative del gatto, perché da un lato un singolo gatto può avere fino a 12 piccoli ... ogni sei mesi!, E dall'altro, si tratta di animali con un aspetto molto elegante, portamento molto bello; nulla è rimasto o manca: tutto è al suo posto. La dea Bastet simboleggiava anche la notte, il mistero e la luna, qualcosa che non fa altro che ricordarci, ancora, del gatto, che quando il sole lascia il posto alla luna, qualcosa si risveglia in lui che gli dona un'energia che lui sembrava non averlo durante il giorno. E questo senza contare sul fatto che non sa con certezza cosa fanno mentre dormiamo.

Il gatto in Egitto era un animale sacro. Era adorato e riceveva tutta una serie di attenzioni in modo che fosse sempre ben curato. Una volta morto, veniva mummificato e posto in un sarcofago come una mummia umana, in una cassa circondata da canne. La famiglia ha anche pianto e si è rasata le sopracciglia.

Tale era l'amore e il rispetto che provavano per questi animali che anche nel 525 a.C. in un conflitto bellicoso contro i Persiani, non osavano attaccarli per paura di ferire i gatti che Cambise II, che a quel tempo era re di Persia, aveva dei gatti legati agli scudi dei suoi 600 soldati. Ma se questo ti sembra poco, dovresti sapere che se qualcuno ha osato fare del male a un gatto, è stato punito e da allora è stato disapprovato dalla società egiziana.

L'egiziano Mau, il gatto degli antichi egizi

Gatto egiziano

A poco a poco, il tempo è passato, e oggi abbiamo una razza i cui antenati coesistevano con i faraoni, e non è altro che la Mau egiziano. Questo è uno splendido gatto, con un carattere calmo ma attivo, che ama stare con le persone. Impariamo di più su di lui:

Caratteristiche fisiche del gatto egiziano

Il gatto egiziano ha una testa leggermente arrotondata, con un naso largo e lungo, orecchie di media grandezza e ben distanziate. Gli occhi sono di colore verde chiaro, grandi. Il suo corpo è di taglia media, elegante, muscoloso, con le zampe posteriori più lunghe di quelle anteriori; e la sua coda è lunga, spessa. Tutto - tranne i suoi occhi, evidentemente 🙂 - è protetto da a capelli corti, resistenti, lucenti e screziati.

Varietà del gatto egiziano

Esistono quattro varietà del mantello del Mau egiziano e sono:

  • Argento con macchie grigie
  • Bronzo con macchie marroni
  • Grigio con macchie nere
  • Giallo con macchie marroni o grigie

Comportamento del gatto egiziano

Questo è un gatto che ha un comportamento davvero unico. Sebbene cammini come i gatti selvatici, inducendoci a credere che sia aggressivo, in realtà è un animale molto tranquillo. A causa della sua origine, è anche molto indipendente e ha un acuto istinto predatore. Tuttavia, va detto questo si adatta molto bene alla vita in casa, dove ti divertirai a stare sotto le coperte durante l'inverno, dato che fa molto freddo.

Cura del gatto egiziano

Ti stai incoraggiando a comprare un gatto egiziano ma sei preoccupato di non sapere come prendertene cura? Smettila di preoccuparti. Questa è una razza di gatto che non ha bisogno delle attenzioni che, ad esempio, fa il gatto persiano. Infatti, basterà spazzolarlo quotidianamente e dargli tanto amore e giochi, più cibo e acqua tutti i giorni, ovviamente.

Suggerimenti per l'acquisto di un gatto egiziano

Cucciolo di Mau egiziano

L'acquisto di un cucciolo di gatto comporta sempre dei rischi, che sia acquistato su Internet o direttamente dall'allevamento. Vediamo quindi cosa dobbiamo fare per non essere ingannati:

  • Il venditore dovrebbe essere gentile con te. Ciò significa che deve rispondere a tutte le domande che hai, inviarti tutte le foto che chiedi e anche dimostrare che conosce la razza e che si prende cura dei cuccioli. Se vedi che si limita solo a fissare un prezzo, sii sospettoso.
  • Se vai in un incubatoio, guarda le strutture e assicurati che siano pulite e ben tenute. Inoltre, gli animali devono essere puliti e ben curati.
  • È importante consegnare il gattino con le vaccinazioni aggiornate, con un ottimo stato di salute, e con i documenti genealogici.

Prezzi dei gatti egiziani

Questa razza è molto costosa e molto difficile da trovare. In Spagna, ad esempio, non c'è incubatoio che li vende. Quindi devi cercare aziende agricole internazionali o private. Il prezzo, come dicevamo, è molto alto: può costare circa 1250 euro con tutte le carte in regola.

Nomi di gatti egiziani

Mau egiziano

E quando sarai riuscito a trovare il tuo nuovo amico, che nome gli darai? Non lo sai? Ancora una volta, ti aiutiamo. Ecco alcuni suggerimenti:

Per le femmine

  • Bastet, in omaggio alla dea egizia 🙂
  • Kity o Kitty
  • frida
  • Estrella
  • Cora
  • Isis
  • ibis

Per i maschi

  • chifus
  • leone
  • Dodo
  • Angus
  • Caruso
  • Eddie
  • Orion

Finora il nostro speciale su una delle razze più spettacolari: il gatto egiziano. Cosa ne pensi?


Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.