Errori nell'allevare un gatto in casa

Gatto che fissa

Ci piacciono i gatti e adoriamo chi vive con noi, ma a volte commettiamo errori che possono impedire all'animale di essere felice. Ed è che per molto tempo si è creduto che fossero molto scontrosi, indipendenti, soli, o che anche quando facevano qualcosa di sbagliato fosse perché volevano offendere l'umano.

Fortunatamente, a poco a poco ci stiamo rendendo conto che ci sono modi migliori per trattarli. Tuttavia, penso che sia ancora molto importante sapere quali sono gli errori quando si alleva un gatto in casa. In questo modo potrai evitare di commetterli.

Separandolo dalla madre quando era ancora molto giovane

Lo so. Un gattino è un prezioso gomitolo di pelo. Ma quel "palla di pelo" ha bisogno della madre e dei fratelli per i suoi primi due mesi di vita (e ancora meglio se sono tre). In quel momento, imparerà a comportarsi come un gatto, a giocare e persino a mangiare e bere da una mangiatoia/abbeveratoio osservando il suo genitore.

Se ti lasci troppo presto, potresti benissimo finire per avere problemi comportamentali.. Ad esempio, se lo portiamo a casa con un mese o meno, non saprà essere un felino perché non sarà con nessuno a insegnarglielo. Infatti, è per questo motivo che è consigliabile adottare due fratelli piuttosto che uno solo, ma solo se hanno due mesi o più.

Nel caso in cui incontriamo a gattino orfano, l'ideale sarebbe cercare di dargli una madre adottiva, ma poiché questo è spesso molto difficile, avremo sempre la possibilità di accoglierne un'altra per farci compagnia.

Non lasciare che sia un gatto

L'ailuropilia non deve essere confusa con la sindrome di Noè

Quando lo portiamo a casa dobbiamo essere molto chiari sui suoi bisogni. Vale a dire, dobbiamo sapere che un gatto graffia, morde, salta, miagola e che ha un suo carattere. L'errore più grande per me è cercare di modificare il loro comportamento per adattarlo al nostro.

Se non vogliamo che distrugga i mobili, per esempio, quello che possiamo fare è fornirgli dei graffi o degli oggetti che può graffiare. Dobbiamo dargli delle alternative in modo che possa essere e svilupparsi per quello che è: un felino. Ne più ne meno.

Umanizzalo

Questo è legato al punto precedente, ma parliamone. Amiamo il gatto e vogliamo proteggerlo. Quando è cucciolo è inevitabile pensare che sia un bambino, con il suo viso dolce e i suoi gesti toccanti. E quando cresce, continuiamo a vederlo come "nostro figlio". ed è ok ma diventa un errore non appena lo indossiamo, o non appena pensiamo che faccia qualcosa che ci faccia arrabbiare. Il felino non ha bisogno di vestiti (a meno che non sia un gatto glabro che vive in una zona fredda, ovviamente).

Se ha freddo, il meglio che possiamo fare è lasciarlo rannicchiato accanto a noi o sdraiarsi sotto le coperte. Ma indossarlo non ha alcun senso, poiché ti farà anche sentire molto a disagio. D'altra parte, il gatto non è in grado di fare cose che ci feriscano. Se, ad esempio, urina sul letto, o ci morde, è nostro obbligo scoprire il perché. El Stress, ansia e depressione, sono anche tipici dei gatti, soprattutto quelli che vivono in luoghi dove non vengono fornite loro le cure di cui hanno bisogno.

Non darti le cure di cui hai bisogno

Dal primo momento in cui ti diamo il benvenuto, ci impegniamo a prenderci cura di te per tutta la vita. Ciò significa che dobbiamo portarlo dal veterinario ogni volta che è necessario vaccinarlo, sverminarlo, castrarlo e ogni volta che sospettiamo che sia malato o che qualcosa gli faccia male. Inoltre, dobbiamo dargli cibo per gatti di qualità, oltre a fornirgli acqua pulita ogni giorno. Ma questo non è tutto.

Un gatto felice non ha solo bisogno di soddisfare i suoi bisogni fisici, ma anche quelli mentali. e per quello Dobbiamo dedicare del tempo a conoscerlo. per sapere quando e come vuole essere accarezzato, qual è il suo giocattolo preferito, dove e con chi vuole dormire... Tutti questi dettagli saranno di grande aiuto per costruire un rapporto sano e prezioso con il nostro amato felino.

accoglierlo per un capriccio

La persona con ailuropilia di solito non è cosciente

Ultimo ma non meno importante, un errore molto grave è quando accogliamo un gatto per capriccio. »Mio figlio ne vuole uno», »Mi piacerebbe averne uno di questa razza», »Lo regalerò a mia sorella per il suo compleanno»,... Sicuramente qualcosa ti suona familiare. È molto triste, ma molti di questi "gatti regalo" o "gatti capricciosi" finiscono per strada non appena non sono più dolci palline di pelo.

È fantastico quando ne dai uno a qualcuno che sai se ne prenderà cura e se ne prenderà cura per il resto della sua vita, ma evitiamo davvero questo. Fermiamo l'abbandono degli animali. Se vuoi vivere con un felino, valuta prima i pro e i contro, perché comporta una responsabilità e un impegno che ti cambieranno la vita. Spero solo che sia per il meglio.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.